Menu
Ritorna al blog
Ritorna al blog
09/01/2020
Guide e How To

Come usare la piastra per capelli: i nostri consigli per raggiungere l’effetto seta


Se ami i capelli lisci, con il cosiddetto effetto seta, ecco la nostra guida dedicata a come usare la piastra in modo corretto (ed evitare bruciature)


Prima di comprendere come usare la piastra per capelli in maniera corretta, facciamo un passo indietro. In commercio esistono diverse tipologie di piastre liscianti e numerose marche che le producono. Ad oggi, quelle che garantiscono il miglior risultato, e che permettono di dire addio all’effetto crespo da capello visibilmente bruciato, sono due: quelle costituite dal 100% di ceramica ionica e quelle con tecnologia ad infrarossi.

Nello specifico, la piastra in ceramica ionica è la meno nociva e permette di mantenere il capello forte ed in salute, facendo sì che conservi tutta la sua lucentezza ed elasticità nonostante la stiratura. 

Capelli spezzati addio per sempre! Questa tipologia di piastra, infatti, emette ioni negativi che agiscono sui capelli come vere e proprie vitamine, eliminando l’elettricità statica e il conseguente fastidioso effetto anni Ottanta.

Le piastre per capelli a tecnologia infrarossa, invece, sono comunque performanti e permettono di riscaldare il capello dall’interno verso l’esterno. Questa particolarità permette di evitare la bruciatura del capello, così da salutare per sempre i capelli spezzati a causa dell’utilizzo della piastra lisciante.

Ad ogni modo, se usi spesso la piastra per capelli, risulta fondamentale sapersi prendere cura di loro. L’effetto seta è infatti molto piacevole, alla vista ed al tatto, ma se la piastra viene utilizzata in maniera scorretta può portare a non poche problematiche di indebolimento.

Prenditi cura della tua chioma!
Vai subito al test per individuare il trattamento su misua per coccolare i tuoi capelli.

Come usare la piastra per capelli in maniera corretta: i mai più senza

Veniamo ora all’annosa questione, ovvero come usare la piastra per capelli in maniera corretta. Per capelli lisci, mossi, lunghi o corti: i consigli non cambiano, ed è bene sapere che con la piastra lisciante non c’è affatto da scherzare! 

Non guardare il monitor così… Non siamo catastrofici, bensì realisti. Ogni giorno, qui in Formula, ci occupiamo di ideare i migliori trattamenti personalizzati per capelli e ci è capitato molte volte di compiere vere e proprie magie per riassestare capelli rovinati da scarsa attenzione nell’utilizzo della piastra. Ecco perché abbiamo deciso di stilare un piccolo vademecum su come utilizzare la piastra per capelli bene e senza pericoli.

Non serve aspettare che la piastra diventi bollente

La prima raccomandazione che ci sentiamo di farti è di evitare, come si faceva molto tempo fa, di lasciare la piastra accesa in bagno, in attesa che si riscaldi, ed approfittare di questo vuoto temporale per guardare una puntata della tua serie TV preferita. 

Le piastre di nuova generazione si scaldano molto velocemente e possono essere utilizzate anche in meno di cinque minuti. In questo modo si evita di raggiungere temperature troppo alte che, a lungo termine, possono nuocere al capello.

Capelli rigorosamente asciutti

Il secondo consiglio fondamentale è quello di utilizzare la piastra lisciante solo su capelli asciutti. Questa precauzione è importante per evitare che si brucino.

Dopo aver lavato i capelli con shampoo, balsamo e maschera lasciali asciugare bene all’aria aperta. In alternativa puoi utilizzare il phon, con alcune accortezze, soprattutto se è inverno e desideri evitare una broncopolmonite. Eccoti pronta piastrare i capelli in tutta serenità.

Piccolo appunto: in commercio esistono alcune tipologie di piastre che possono essere utilizzate anche sui capelli umidi. Di fatto, risultano meno efficaci perché si perde l’effetto lucido tipico della messa in piega.

Utilizza prodotti liscianti

Soprattutto se hai capelli ricci o mossi, ma anche già lisci e vuoi dare un boost all’effetto piastra, ti consigliamo di usare un balsamo o una maschera lisciante specifica da applicare post-lavaggio. Se desideri prodotti personalizzati e ritagliati su misura per le tue esigenze, tenendo conto anche di fattori ambientali che influenzano lo stato del capello, vai al test Formula per individuare il trattamento giusto per te.

Non insistere sulle stesse ciocche

Se ti stai chiedendo come piastrare i capelli in pratica, eccoti servita. Per cominciare l’operazione di lisciatura, separa i capelli in ciocche ed inseriscile una ad una all’interno della piastra, il tutto partendo dalla radice dei capelli, scendendo verso le punte.

Non insistere dieci volte sulla stessa ciocca. Piuttosto scendi lentamente, in modo che i capelli siano impeccabili già alla prima passata. Infine, per un effetto WOW comincia dalla nuca per poi andare alla parte superiore della testa.

Non solo liscio effetto spaghetto

Orientando il movimento delle punte dei capelli è possibile ottenere diverse forme di pettinatura. Se non ti piace l’effetto spaghetto, infatti, ti basterà tirare le punte verso l’esterno per dare alla tua testa un senso di volume e movimento.

I cinque consigli mai più senza per piastrare i capelli bene e con serenità

Alla luce di quanto abbiamo appena detto, ricorda:

  1. Attendi che la piastra sia calda, ma senza che possa friggere i tuoi capelli;
  2. Lascia asciugare bene i capelli prima di lisciarli;
  3. Aiutati con dei prodotti idonei;
  4. Non insistere troppo sulle stesse ciocche;
  5. Dai forma ai tuoi capelli.

Ricordati sempre di proteggere i tuoi capelli.

Haircare su misura

Shampoo, balsamo e maschera creati da te, per te.

Articoli recenti
Capelli effetto crimping: il frisé degli anni '20
Leggi
Leggi l'articolo
Trovi i capelli nel casco? Scopri come evitare una caduta eccessiva
Leggi
Leggi l'articolo
Trend capelli rossi 2021: le ispirazioni per un nuovo colore
Leggi
Leggi l'articolo